Un identikit di chi compra la Tesla, nonostante…

Share

 
Un identikit di chi compra la Tesla? La Casa di Elon Musk si tiene ben stretti i suoi big data sui clienti. Ma qualche numero gira ed è piuttosto interessante…
Un identikit tracciato dagli stessi acquirenti
C’è un dato che continua a sorprendere: le Tesla escono piuttosto male dalle periodiche indagini sulla qualità condotte sui principali marchi dell’auto. Nella più nota a livello mondiale, la JD Power (qui l’articolo) è finita addirittura ultima, su 32 brand presi in considerazione. La domanda dunque è: perché ha un tale successo un marchio che riceve recensioni così negative? E perché i clienti se ne infischiano delle bocciature dei “sacerdoti” della qualità?
Qualche indizio l’ha trovato un analista di CleanTechnica, Jesper Berggreen, andando a spulciare un altro rapporto sulla qualità. È il The Motor AutoIndex 2020, realizzato dall’Automobil Club di Danimarca. A differenza delle pagelle di JD Power, l’AutoIndex non mette a disposizione solo il giudizio finale. Ma anche il dettaglio delle risposte dal campione di automobilisti intervistati.
L’87% dice: “La mia prossima auto? Un’altra Tesla”
Vediamo alcuni numeri, dunque:
prima di comprare una Tesla, i clienti guidavano auto di questi marchi: il 12.5% una BMW, l’11.8% una Volkswagen e il 7,9% un’Audi. E l’87.2% dei proprietari di Tesla dichiara che la prossima auto sarà un’altra Tesla.
il 51,8% non ha provato alcuna altra auto prima di acquistare una Tesla. La media degli acquirenti degli altri marchi è del 33%.
 il 69,7% dei clienti Tesla possiede una 2° auto. Per gli altri marchi solo il 43,9%.
Il patron Elon Musk
solo il 18,6% degli intervistati ha comprato la Tesla di seconda mano. Sugli altri marchi la media è del 31.9%.
il 29,9% degli acquirenti di Tesla appartiene alla categoria dei top executives o manager di medio livello. Per gli altri marchi la media è del 16%.
il 91% degli acquirenti non ha ottenuto alcuno sconto nell’acquisto. Per gli altri marchi la percentuale si riduce al 20%.
il 23,9% dei clienti Tesla ha subito richiesto un intervento dell’assistenza lamentando imperfezioni nell’auto. Nella concorrenza siamo all’8,3%.
Si usa un metro diverso nel giudicare queste auto
La morale di questo identikit qual è? Perché Tesla continua a inanellare ottimi risultati di vendita, anche in periodi di lockdown (guarda l’articolo)? La spiegazione più logica è che le macchine di Elon Musk vengano cercate e giudicate con un metro diverso rispetto alle auto dei marchi tradizionali. Non che faccia piacere trovare la vernice scolorita, la chiusura della portiera che non combacia alla perfezione o l’assistenza che latita. Ma la Tesla è unica, fa macchine totalmente diverse, che trasmettono sensazioni diverse. Nel bene e nel male. Gli acquirenti sono un po’ naif, si chiede Berggreen nel suo articolo? Forse. Ma quasi 9 su 10 sono determinati a sostituire prima o poi la loro Tesla con un’altra Tesla. È tanta roba.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
L’articolo Un identikit di chi compra la Tesla, nonostante… proviene da Vaielettrico.

Continua la lettura per Un identikit di chi compra la Tesla, nonostante… selezionato da Vaielettrico.it in data 5 July 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *