Toyota e BYD, alleanza per l’auto elettrica in Cina

Share

Toyota e BYD si sono alleate per sviluppare una nuova generazione di auto elettriche. La joint-venture avrà sede a Shenzhen, la città dove 25 anni fa è nato il colosso cinese, e inizialmente occuperà 300 addetti.
Toyota e BYD mettono assieme il meglio di due culture
Akio Toyoda, presidente della ToyotaLa società mista si chiama BTET, acronimo di BYD Toyota EV Technology. E sancisce l’ennesima legittimazione del maggior costruttore cinese, che ha iniziato l’attività solo un quarto di secolo fa come produttore di batterie. E che ha appena annunciato lo sviluppo di una rivoluzionaria batteria ultrapiatta, la Blade Battery, che dovrebbe garantire a BYD un forte vantaggio tecnologico sulla concorrenza. La Toyota, invece, sembra finalmente prendere atto dello sviluppo inelubile dell’elettrico, dopo averlo a lungo avversato (anche in maniera aspra) per restare fedele alla tecnologia dell’ibrido. I tempi cambiano e le opinioni anche…
————-    L’accordo in pillole: nome, sede, cariche….  (fonte: Electrek.co)

Nome

BYD TOYOTA EV TECHNOLOGY. (BTET)

Sede

Pingshan District, Shenzhen, Provincia di Guangdong (Cina)

Management

Presidente: Hirohisa Kishi (Senior Executive Vice President, Toyota Motor Engineering & Manufacturing (China) 

Amm. del. : Zhao Binggen (BYD Company Ltd.)
Consiglieri (3 di Toyota e 3 di BYD, un revisore ciascuno)

Attività

Design, sviluppo di auto elettriche con relative basi tecniche

Azionisti

Toyota Motor Corporation (50%), BYD (50%)
Dipendenti
 Circa 300
 
I termini dell’accordo sono riassunti in una nota rilasciata congiuntamente dai due partner. (qui quella di Toyota). L’idea di fondo è di mettere assieme l’esperienza di BYD nell’elettrico (dal 2015 per quattro anni consecutivi è stata leader mondiale nelle vendite) con l’indiscussa capacità di Toyota di costruire auto di grande affidabilità. I pionieri dell’elettrico con gli inventori della qualità totale. Da quel che si capisce dall’alleanza non nasce una nuova marca, ma un centro di ricerca&sviluppo in cui confluiranno i migliori talenti delle due Case. L’intesa nasce guardando al grande mercato cinese, ma non si può certo escludere un ulteriore sviluppo fuori dai confini locali.
Il precedente dell’intesa Mercedes-Geely per la Smart
La Smart ormai è solo elettrica e ha traslocato in Cina, addio Germania.L’alleanza tra Toyota e BYD rappresenta un altro matrimonio tra un nome storico dell’automotive e uno degli sfidanti cresciuti in Cina nei primi due decenni del nuovo secolo. Il precedente è dato dall’accordo tra il Gruppo Daimler-Mercedes e Geely, che ha portato il partner cinese ad acquisire il 50% dell Smart, marca che a partire dal 2022 sarà ingegnerizzata e costruita in Cina. Ed in entrambe le situazione sembra essere il socio cinese in una posizione di forza, ad avere la tecnologia e le leve di mercato per dettare legge in queste matrimoni che nominalmente nascono alla pari. L’acronimo BYD significa “Build Your Dreams” (Costruisci i Tuoi Sogni). E in questa fase storica i costruttori cinesi sembrano avere un ritmo di crescita e un’ambizione che i marchi storici hanno esaurito da tempo.
L’articolo Toyota e BYD, alleanza per l’auto elettrica in Cina proviene da Vaielettrico.

Continua la lettura per Toyota e BYD, alleanza per l’auto elettrica in Cina selezionato da Vaielettrico.it in data 2 April 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *