Tesla riduce le attività anche presso la Gigafactory del Nevada

Share

Dopo aver temporaneamente chiuso le sue Gigafactory di Fremont e di New York, Tesla ha deciso adesso di ridurre la presenza dei suoi dipendenti all’interno della Gigafactory del Nevada del 75%. Elon Musk aveva fatto sapere, solo poco tempo fa, che la sua fabbrica del Nevada avrebbe continuato a funzionare regolarmente ma l’evoluzione della pandemia ha fatto cambiare i piani della società. Questa nuova decisione arriva a seguito anche della scelta di Panasonic di sospendere le sue attività presso la fabbrica di Elon Musk per proteggere i suoi dipendenti dalla diffusione del Coronavirus.

All’interno della Gigafactory del Nevada, Tesla produce, tra le altre cose, motori elettrici e pacchi batteria per la Model 3. Panasonic, invece, costruisce le celle che poi vengono utilizzate per le batterie. La società americana prevede di mantenere attive solo alcune attività essenziali di base e sta spingendo i suoi lavoratori a lavorare da remoto utilizzando lo strumento dello smart working se possibile (Qui la nostra guida). Non è chiaro quanti dipendenti dovranno rimanere a casa ma quelli di Panasonic sono circa 3.500.

Tesla sta adottando una serie di misure per ridurre la possibilità di diffusione del virus tra i dipendenti che continueranno comunque a lavorare in fabbrica. All’interno di un’email inviata ai dipendenti, la società spiega che chiuderà alcuni ingressi ed eseguirà controlli alla temperatura delle persone che entreranno. I dipendenti che saranno ancora operativi dovranno disinfettarsi le mani prima di varcare la soglia della fabbrica. I lavoratori dovranno sempre stare a un metro di distanza, anche nella mensa. Infine, le postazioni di lavoro saranno disinfettate due volte per turno.Battery Phone a meno di 150€? Xiaomi Mi A2 Lite, compralo al miglior prezzo da Bass8 a 140 euro. CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Continua la lettura per Tesla riduce le attività anche presso la Gigafactory del Nevada selezionato da HDmotori.it in data 28 March 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *