Il Comune di Rimini: con 164 mila euro quante EV mi vendete?

Share

Il Comune di Rimini vuole viaggiare in EV e lancia un bando per acquistarle. Quante? Il più possibile con il gruzzolo che ha a disposizione: 164.340 euro esclusa Iva e al netto degli incentivi statali e regionali dei quali vuole approfittare, rottamando un numero equivalente di vecchi veicoli ante Euro 4. 
Auto termiche della Polizia municipale di RiminiRimini rottama e incassa l’ecobonus
Saranno utilitarie della categoria M1 «minimo 2 posti; alimentazione elettrica EV – zero emissioni; batteria fornita in acquisto oppure a noleggio» come recita il bando. Pare di capire che vincerà chi ne metterà di più sul piatto, impegnandosi a completare la fornitura entro sei mesi. Alla fine potrebbero essere una decina, calcolando i 6 mila euro di ecobonus statale e i 3 mila di incentivo regionale. Altre specifiche tecniche richieste sono un autonomia minima di 150 km nel ciclo urbano e la ricarica con presa elettrica TIPO 2 (europeo).
Paolo Martini, amministratore delegato di Be ChargeLa futura flotta comunale elettrica si aggiunge a un parco di Ev circolante nel Capoluogo della Riviera che annovera oggi 18 autovetture totalmente elettriche e 632 ibride; 9   motocicli totalmente elettrici, 8 veicoli commerciali 100% elettrici e 4 ibridi.
E Be Charge piazza a Rimini 50 punti di ricarica 
In giugno il Comune di Rimini ha aggiudicato a Be Charge la gara per l’ installazione di 50 postazioni di ricarica in citta. L’investimento stimato è di 450 mila euro.  Gli impianti saranno posizionati sugli assi della viabilità più interessanti come le aree prossime ai lungomari (Spadazzi, Di Vittorio, piazzale Kennedy via Beccadelli, ma anche via Toscanelli o Dati a Viserba) o sul primo asse urbano esterno come via Flaminia, via della Fiera, viale Tiberio, via Roma, Bramante, ecc, o nei pressi dei grandi parcheggi come il Chiabrera, via della Fiera (Conad), Caduti di Cefalonia, via dell’edera (Coop – Celle), Iper Malatesta. L’offerta di Be Charge comprende l’attivazione di un servizio di e-scooter sharing in città. Rimini è stato anche il primo Comune italiano ad autorizzare in via sperimentale la circolazione dei monopattini elettrici e ad assegnare due licenze per il servizio di sharing. Se le sono aggiudicate i big statunitensi Lime e Bird, con 500 monopattini elettrici ciascuno.
Primi al traguardo anche sui monopattini elettrici

Commentando l’esito della gara per le nuove stazioni di ricarica l’Assessore alla Mobilità Roberta Frisoni ha detto che «Rimini si appresta a fare un salto di qualità all’insegna dell’innovazione e dell’integrazione tra energia e mobilità».  Ha poi sottolineato gli aspetti innovativi della gara che ha permesso «di far diventare le postazioni di ricarica dei nuovi ‘micro-hub’ di mobilità con servizi che possano soddisfare le esigenze dei cittadini e dei turisti».

L’articolo Il Comune di Rimini: con 164 mila euro quante EV mi vendete? proviene da Vaielettrico.

Continua la lettura per Il Comune di Rimini: con 164 mila euro quante EV mi vendete? selezionato da Vaielettrico.it in data 28 October 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *