Donne e automobili: le pioniere della sicurezza [Video]


Tradizionalmente donne e automobili sono sempre state viste come due entità in conflitto tra loro; il mondo dell'automobile viene considerato maschile, qualcosa creato dagli uomini per gli uomini. Niente di più sbagliato e non da oggi. E' vero che un certo retaggio culturale in passato ha tenuto lontane le donne dalle auto (e in alcune zone del mondo accade ancora oggi); ma è storicamente falso che esse non abbiano contribuito alla crescita e all'evoluzione del nostro mezzo di trasporto preferito; troviamo donne protagoniste fin dall'epoca pionieristica, sebbene spesso oscurate nella conoscenza popolare.Ad esempio, è storia abbastanza nota l'impresa di Bertha Benz, moglie di Karl, nel 1888: fu la prima persona al mondo (quindi uomini compresi) a compiere un viaggio in auto sulla lunga distanza, il celebre triciclo Benz Patent Motorwagen, quella che viene considerata la prima automobile della storia in senso moderno, cioè dotata di motore a scoppio. E non dimentichiamo nemmeno che è la stessa automobile ad essere femmina. Così rispose nel 1926 il poeta Gabriele D'Annunzio a Giovanni Agnelli, fondatore della Fiat, in una lettera per ringraziarlo della Fiat 509 cabriolet che gli aveva appena donato: "L'Automobile è femminile. Questa ha la grazia, la snellezza, la vivacità d'una…