Tassa sulle emissioni: volano le proteste, primo dietrofront


Aggiornamento 6/12 ore 18.00 - Dopo essersi già espresso il 5 dicembre contro ogni nuova tassa sull'auto, come potete leggere in fondo a questo articolo, il vicepremier Matteo Salvini ha ribadito la sua contrarietà alla tassa sulle emissioni di CO2 per le auto nuove in modo ancora più deciso. Intervistato dall'Ansa, il leader della Lega ha dichiarato: "Sono convinto che bisogna aumentare la tutela dell'ambiente, ma senza imporre nuove tasse, quindi non passerà mai col sostegno mio e della Lega una nuova tassa su chi ha auto a benzina o diesel. Non vedo perché chi non ha i soldi per comprare un'auto elettrica da 50mila euro debba essere tartassato. Un conto è aiutare e incentivare chi sceglie il nuovo; però non puoi massacrare chi per problemi economici è fermo al diesel o alla benzina". Tuttavia dal lato Movimento 5 stelle sembra esserci un'azione dalla parte opposta. Il sottosegretario all'Economia Laura Castelli ha dichiarato in commissione Bilancio alla Camera: "La volontà del governo è quella di tenerla. Sta nel contratto di governo. Le persone meno abbienti non sono colpite, c'è stato un dibattito mediatico, ma penso che la norma non sia stata letta in maniera approfondita. Non colpisce né chi ha…