Auto elettriche Tesla Model 3: in Europa ricarica con il CCS

Se la Tesla Model 3 deve essere l'auto elettrica di massa accessibile a tutti, allora deve usare un sistema di ricarica standard. Ecco che, allora, il costruttore americano si adegua e per la Model 3 in arrivo in Europa abbandona la presa con tecnologia proprietaria Supercharger in favore dell'ormai standard connettore CCS Combo 2.La Model 3 da ieri è esposta in bella mostra anche negli show room italiani e verrà commercializzata a partire da inizio 2019. A fine settembre erano circolate le prime indiscrezioni sull'inizio della produzione dei primi veicoli destinati all'Europa, con caratteristiche leggermente differenti rispetto alla versione americana. Differenze necessarie sia a passare l'omologazione UE, sia ad adattare la Model 3 ai sistemi di ricarica europei.Dalle notizie circolate all'epoca sembrava che Tesla avesse scelto il connettore tipo 2 Mennekes. La notizia ufficiale rilasciata da Tesla ieri, insieme ai rendering che vedete in questo articolo, è che il connettore sarà il Combo 2, che proprio dal Mennekes deriva. Gli altri modelli di macchine elettriche Tesla, la Model S e la Model X, saranno invece dotate di un adattatore per funzionare anche con le colonnine CCS Combo. Si pagherà a parte, al costo di 500 euro. Auto elettriche: la Tesla…